Come aumentare la produzione di latte materno, il neonato lo sa!

aumentare produzione latte materno piùlatte humana

“Avrò latte?” Una delle domande più frequenti che si pongono le mamme in gravidanza, complici anche la disinformazione e i giudizi e i consigli non richiesti!

Partendo dal presupposto che siamo mammiferi, salvo casi particolari il latte c’è, perché non dovrebbe esserci?

Il punto è che una volta arrivata la montata lattea e appurato quindi che il latte c’è, durante tutto il percorso di allattamento, la quantità si calibrerà in base alle esigenze del neonato e quindi arriveranno nuovi dubbi: “Mi sta andando via il latte?” “No!”

Sempre parlando di casi fisiologici e non di situazioni particolari, il latte non va via magicamente.

Ogni mamma produce il latte giusto per il suo cucciolo e quantità e qualità variano nei diversi periodi o addirittura momenti della giornata. Uno dei motivi per cui secondo il mio personalissimo parere il latte vaccino va dato con una certa moderazione è proprio questo, la mucca produce latte per il vitello e credo che quei mega biberon di latte vaccino magari dati proprio prima di andare a nanna, non siano la cosa più indicata per i bimbi.

Tornando al latte materno, un bimbo di un mese avrà sicuramente bisogno di una quantità di latte maggiore rispetto ad un bimbo di 6 mesi e il nostro corpo, il nostro seno lo sanno e man mano che il piccolo cresce, calibrerà la produzione in modo da avere quanto serve per il nostro piccolo.

Per questo il consiglio che mi sento di dare ad ogni mamma è: informatevi! Indipendentemente da quelli che possono essere piccoli aiuti, consigli, o racconti, il vero, inimitabile e unico modo per stimolare la produzione di latte materno e l’aumento della stessa, è la suzione del neonato! Più il bimbo si attacca più si produce!

Tantissime mamme alle prese col primo figlio e col “panico da tetta più sgonfia”, si fidano di tutto quello che viene loro detto e consigliato e qui entrano in gioco le consulenti in allattamento, fidatevi di loro, molto più che dei pediatri, per quanto riguarda il latte materno.

Io non finirò mai di ringraziare il mio angelo della LLL che mi ha dato una mano durante i miei mesi di allattamento, con pazienza, competenza ed estrema empatia!

Quindi quando iniziate a chiedervi “Come posso aumentare la produzione di latte materno?” non fidatevi di tutto ciò che sentite e leggete. Seguite di più il vostro istinto, a volte è più veritiero di tane cavolate lette sul web o ascoltate in giro.

Chiunque si sente di poter dare un consiglio ad una neomamma in difficoltà, dal gelataio sotto casa, all’agente immobiliare… filtrate mamme e fidatevi di voi e dei vostri piccoli! Quindi prima di bere ettolitri di birra o brodo di pollo, perché con la moglie del postino ha funzionato, cercate di ascoltare il vostro corpo, per capire cosa sta succedendo e guardate il vostro bimbo.

In questi momenti di panico, molti pediatri contribuiscono a far naufragare i percorsi di allattamento, contribuendo a rendere insicure e fragili le neomamme e sono convinta che i pediatri dovrebbero obbligatoriamente avere anche una formazione in ambito allattamento.

Per far partire e aumentare la produzione di latte materno, lo posso ripetere fino a darmi fastidio da sola, bisogna allattare a richiesta, ovvero attaccare il neonato al seno ogni qualvolta lo desideri, assecondando così, frequenza e durata delle poppate! 

Il bere tanto sicuramente è molto importante. A volte però quando si è in preda al panico, un aiuto può dare una mano anche psicologicamente, per questo ho deciso di capire meglio di cosa si tratta quando ho avuto modo di “provare” più latte di Humana. Premetto che questo marchio viene spesso associato al latte artificiale e molte persone di vedute decisamente limitate, non vanno oltre e si precludono la possibilità di conoscere prodotti che e possono essere anche molto utili! Io non sono fra queste, sono sempre aperta a “conoscere”, studiare e informarmi riguardo alle novità e poi decidere se fanno o meno al caso mio!

aumentare produzione latte materno piùlatte humana

Il mio concetto di allattamento è quello che, nella maggior parte dei casi, con: amore, forza di volontà, convinzione e informazione, si possa portare a termine un percorso davvero meraviglioso per mamma e bimbo, anche se spesso difficile e faticoso. Non credo sia molto intelligente dare credito a qualsiasi informazione e consiglio, ma credo anche sia decisamente stupido non tenere conto di notizie o novità per una questione di convinzioni più o meno infondate!

Riconsiderando però il fatto che mamme in preda all’ansia da: “Sta andando via il latte!” non sono molto lucide, sottolineo che qualsiasi integratore, seppur naturale, deve essere sempre preso sotto controllo medico.

Fatta questa doverose premesse posso raccontarvi cosa ho scoperto studiando “Più latte”!

Una frase che mi ha convinta della serietà del prodotto è quella indicata dall’azienda stessa: “un valido supporto per un allattamento sereno e prolungato, consigliato nelle situazioni in cui può accadere o anche solo sembrare che la produzione del latte materno sia insufficiente.”

Ecco nessuno ha scritto: “Quando va via il latte”, o “Per far arrivare il latte”, o ancora “Produzioni miracolose di latte materno?”. La stessa ditta ribadisce nella stessa pagina in cui presenta il prodotto, che l’attacco del neonato è alla base per una buona produzione e questo trovo che sia molto corretto nei confronti delle mamme.

Vediamo quindi cosa contiene questo integratore alimentare: Galega Officinalis L. e SILITIDIL® , formato da Silybum marianum G., una pianta nota per le sue proprietà antiossidanti e depurative e fosfatidilserina.

La mia attenzione è caduta subito sulla Galega Officinalis, ho cercato e letto un po’ d’informazioni e chiesto alla mia erborista!

Il riassunto di tutte le mie ricerche, compreso il rispolverare le mie conoscenze (alla fine sono biologa, qualcosa di erbe e proprietà ne so anche io!), è che, come già sottolineato l’assunzione di erbe pure o sotto forma di integratori va discussa col medico, perché possono avere interazioni anche importanti in casi di specifiche situazioni, ma la particolarità della Galega Officibanalis è quella di avere delle proprietà galattogoghe davvero eccellenti, che possono stimolare la prolattina in modo da dare un aiuto alla qualità e alla produzione di latte materno!

Un altro aspetto non indifferente per chi come me ha allattato tanti mesi a richiesta è che questa pianta amica della mammucche migliora anche la circolazione della ghiandola mammaria, ossigenando quindi i tessuti. Risultato un bel regalo per le nostre amiche che come spiegato nel mio Elogio alle tette, ci supportano e sopportano per tutta la vota! Seno più sodo!

Una mia amica che abita a Sondrio, mi ha raccontato che quando allattava le sue bimbe, le avevano prescritto tisane di Galega Officinalis, spesso usata dalle sue parti per arricchire il foraggio di sostanze utili per stimolare e aumentare la produzione di latte nel bestiame! Insomma con le mucche, che di latte ne sanno, funziona, perché non provare anche con le mammucche?

Fra qualche mese nascerà la mia Martina e non vedo l’ora di ricominciare un nuovo percorso di amore, coccole e latte… sono certa che di fronte alle difficoltà cercherò di non mollare come ho fatto per Alessandro.

 

Allattando FacebookAllattando TwitterAllattando Instagram

 

 

post in collaborazione con Humana

Lascia un commento

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code